image-558

Contatti

Contatti

Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Donadei

La nostra newsletter

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Codice fiscale: 96099610048

Ricevi i nostri comunicati stampa: clicca qui!

 

Informativa privacy - cookie policy

L'immagine di Putin sovrapposta a quella di Hitler: i Radicali tappezzano Cuneo di manifesti

25-03-2022 08:12

Ufficio stampa

Comunicato stampa,

L'immagine di Putin sovrapposta a quella di Hitler: i Radicali tappezzano Cuneo di manifesti

Per le vie della città sono comparsi decine di manifesti con la faccia di Vladimir Putin sovrapposta a quella di Adolf Hitler, con la scritta Put(in)O

Per le vie della città sono comparsi decine di manifesti con la faccia di Vladimir Putin sovrapposta a quella di Adolf Hitler, con la scritta Put(in)OUT of UKRAINE. Questa la nuova campagna dell’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei, che nelle prossime settimane darà il via anche a banchetti di raccolta firme per chiedere l’incriminazione di Putin dinnanzi al tribunale dell’Aja.

 

Filippo Blengino ed Alexandra Casu, rispettivamente Segretario e Tesoriera di Radicali Cuneo, dichiarano:
“Cuneo è città medaglia d’oro alla Resistenza, ha sempre parteggiato, è sempre stata vicino a chi resiste all’aggressore. L’equidistanza tra Russia e Ucraina, il considerare il conflitto in corso una guerra alla pari, quando la realtà dei fatti ci mostra un aggressore, Vladimir Putin ed i suoi oligarchi complici, ed un aggredito, ossia l’Ucraina, è un qualcosa di profondamente sbagliato ed antistorico.”


Presentando quindi i manifesti che sono stati esposti a Cuneo, aggiungono: “Con questi manifesti vogliamo dire chiaramente che i dittatori e criminali sono tutti uguali, indipendentemente dalla loro vocazione politica o area geografica di provenienza. Vladimir Putin è il nuovo Hitler, così come affermato anche dal Presidente della comunità cristiana ucraina in Italia Oles Horodetskyy, e si è macchiato di crimini internazionali e crimini di guerra. A partire dall’aggressione di un Paese sovrano, fino ad arrivare alle bombe sui civili, alle violenze, alle deportazioni, sono molti i fatti per i quali il nuovo Zar ed i suoi generali devono essere incriminati dinnanzi alla Corte Penale Internazionale. Non c’è mai pace senza giustizia, e certe forze politiche dovrebbero iniziare a fare i conti con il passato ed iniziare, senza se e senza ma, a condannare la fratricida azione dei Russi. Poi si può discutere sulle altre questioni, a partire dall’invio di armi alla Resistenza ucraina, ma la ferma condanna di Putin ancora non è unanime.”  


È intanto possibile firmare l’appello sul sito radicalicuneo.org/campagne

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2022


facebook
instagram
twitter
youtube
Come creare un sito web con Flazio