image-558

Contatti

Contatti

Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Donadei

La nostra newsletter

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Codice fiscale: 96099610048

Ricevi i nostri comunicati stampa: clicca qui!

 

Informativa privacy - cookie policy

La nostra risposta al Garante dei detenuti di Saluzzo

31-03-2022 13:36

Ufficio stampa

Comunicato stampa,

La nostra risposta al Garante dei detenuti di Saluzzo

La nostra lettera ai giornali in risposta alle affermazioni del Garante dei detenuti di Salluzzo Paolo Allemano: Caro direttore, Approfittiamo dell’os

La nostra lettera ai giornali in risposta alle affermazioni del Garante dei detenuti di Salluzzo Paolo Allemano:

 

Caro direttore, 

Approfittiamo dell’ospitalità, che il suo giornale solitamente ci concede, per rispondere al dott. Allemano, Garante dei detenuti del Comune di Saluzzo, il quale ha citato e chiamato in causa noi Radicali durante il suo intervento relazionale sulla situazione della struttura “Morandi” di Saluzzo, nella seduta dell’ultimo consiglio comunale, in data 29 marzo. Una premessa risulta però d’uopo: in primis, ringraziamo di cuore il dott. Allemano per il lavoro che ha svolto e svolge, con attenzione e puntualità. Sappiamo benissimo cosa voglia dire essere “Garante dei detenuti”, anche perché tale figura (comunale o regionale che sia) nasce nel 2013, soprattutto grazie alla ferma volontà e all’alacre lavoro svolto dai radicali in merito. Lo sappiamo benissimo alla luce di anni e anni (anche antecedenti al 2013…) di visite agli istituti penitenziari, effettuate di Ferragosto o Natale, quando molti sono impegnati in altre attività sicuramente più amene. Detto ciò, nella sua relazione il dott. Allemano elenca dapprima tutto ciò che di positivo si stia facendo al “Morandi”, grazie a volontari, associazionismo laico e cattolico, scuola, università (per quanto manchino educatori a sufficienza: ne sono presenti solo 4 su 7 assegnati, e s’ha da ricordare…), per rendere più umano un luogo che è l’antitesi per antonomasia della civiltà, per quanto ci riguarda. Anche e soprattutto dopo due anni di pandemia e restrizioni varie. E ci associamo anche alle sue parole su temi delicati come la raccolta differenziata all’interno della struttura che stenta a decollare: abbiamo di persona notato, nella nostra visita in data 12 dicembre, molti corridoi invasi da immondizia di vario genere e, soprattutto, nessuna differenziazione dei rifiuti. Siamo rimasti, però, decisamente stupiti e quanto meno spiazzati dalla critica che l’Allemano ci rivolge, citandoci e citando la visita di cui sopra. Il garante, onestamente con tono e parole poco gradevoli, apostrofa la nostra visita come semplice atto per suscitare clamore giornalistico e non per migliorare la situazione carceraria. È necessario fare un po’ ordine e, umilmente, memoria anche all’Allemano: siamo stati testimoni di una violazione della legge, lo abbiamo segnalato (anche tramite una diffida al DAP e alla Direzione, oltre ad un’e-mail al Garante Regionale on. Bruno Mellano), non ci è stata data risposta e abbiamo presentato un esposto, ma non “per la mancanza delle docce” come è stato affermato, bensì per omissione d’atti d’ufficio. E il dott. Allemano, che è uomo di legge, ma soprattutto uomo di diritto conosce finanche meglio di noi la differenza. Detto ciò, noi lottiamo per ciò che si deve: se si è testimoni durante una visita (concessaci dalla legge) di una mancanza (quella delle docce nelle celle, prevista dalla legge datata 2000) saremmo stati omertosi nel non segnalarla. Non vedere applicata una normativa che nasce più di 20 anni fa a noi non sembra cosa da poco, come “dire che gli ospedali non funzionano”. La nostra storia parla per noi: ci si deve quanto meno riconoscere l’unicità, come associazione politica, nell’interessarsi da tempo immemore all’universo-carcere e con l’unica arma consentitaci (come cittadini prima e come radicali poi), la legge, per ovviare alle mancanze dello Stato. Stato che, spesso, in questi luoghi drammatici è assente. Ed è in questi luoghi drammatici, forse, in cui dovrebbe essere ancor più presente! E non si ritiene quanto meno surreale che, a distanza di vent’anni, come lo stesso Allemano giustamente nota nel suo intervento, non si sia provveduto? A noi pare ciò “discutibile, quanto meno discutibile” e non la nostra segnalazione e di qui denuncia. “Prima di andare dal procuratore, bisogna pensare a rendere funzionale (il carcere) e nuovi percorsi” dice il Garante. Certamente, aggiungiamo noi… cosa che facciamo, forse mai abbastanza, da decenni, come detto in apertura. A livello nazionale e locale. L’irritazione dovrebbe essere rivolta non a chi segnala (e ci mette la faccia e la firma, sugli esposti!), ma verso chi non si adopera ad attuare una disposizione ultraventennale! Verso un sistema, un mondo, quello carcerario, basato su storture, permessi, burocrazie, lungaggini, mancanza di personale educativo e di sorveglianza. Sì, a Saluzzo manca il comandante e fa bene, stavolta sì, il Garante Allemano ad irritarsi: lo abbiamo segnalato anche noi nella nostra uscita “propagandistica” sulla stampa locale. E lo abbiamo fatto proprio in nome di quel tentativo di rendere “meno tesa”, come afferma il dott. Allemano, la situazione all’interno del “Morandi”, in chiusura del suo intervento. E continueremo con le nostre visite, continueremo con le nostre segnalazioni e denunce (se ravviseremo altre mancanze), e non per “uscire sui giornali”, e non per demolire un sistema che è già precario: per riportare anche solo un atomo di diritto in quei luoghi difficili dove “se scruti dentro l’abisso, in realtà è l’abisso che scruta dentro te” (F. Nietzsche).

 

Claudio Marengo, Filippo Blengino, Alexandra Casu, Alessia Lubèe, Sabatino Tarquini, Martina Maero.

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2022


facebook
instagram
twitter
youtube
Come creare un sito web con Flazio