image-558

Contatti

Contatti

Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Donadei

La nostra newsletter

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Codice fiscale: 96099610048

Ricevi i nostri comunicati stampa: clicca qui!

 

Informativa privacy - cookie policy

CANNABIS, SIT-IN DI RADICALI, COSCIONI E MEGLIO LEGALE

14-07-2022 10:16

Ufficio stampa

Comunicato stampa,

CANNABIS, SIT-IN DI RADICALI, COSCIONI E MEGLIO LEGALE

Si è svolto ieri a Cuneo (13 luglio) il sit-in organizzato da Associazione Radicali Cuneo "Gianfranco Donadei", Cellula Coscioni CN e Meglio Legale pe

Si è svolto ieri a Cuneo (13 luglio) il sit-in organizzato da Associazione Radicali Cuneo "Gianfranco Donadei", Cellula Coscioni CN e Meglio Legale per chiedere, al Parlamento, la discussione del Ddl Magi - Licatini sull'autocoltivazione di cannabis.

 

"Siamo qui per dar voce ai 6 milioni di italiani che consumano cannabis in Italia." Ha esordito Alexandra Casu, Tesoriera di Radicali Cuneo "Gianfranco Donadei". "Basta contribuire - ha aggiunto - ad un sistema criminogeno che regala miliardi di euro alle mafie ogni anno".

 

"Per i parlamentari cuneesi Gastaldi e Bergesio, ci sono questioni più importanti. Ma io però mi aspetto che i nostri rappresentanti abbiamo il tempo di dibattere di più questioni, e comunque la Lega non parla di altro da giorni che non sia il proprio no a cannabis e ius scholae" incalza Filippo Blengino, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni che lo scorso anno si autodenunciò per aver coltivato cannabis sul balcone di casa, come gesto di disobbedienza civile. "La cannabis non è una droga, e non uccide, e questo non lo diciamo noi, ma la scienza!" ha aggiunto.

 

Diversi gli altri interventi di attivisti e simpatizzanti, tra cui Flavio Martino: "Il proibizionismo negli stati uniti all'inizio degli anni ’20 ebbe effetti disastrosi. Crebbe vertiginosamente il consumo di alcolici, le produzioni nel mercato illegale erano prive di controlli e spesso pericolose e la criminalità divenne potentissima al punto che dodici anni dopo il proibizionismo venne abolito". Dante Anderlini ha continuato: "Con la legalizzazione della cannabis si distribuirebbe un prodotto sicuro e controllato, eliminando il contatto tra consumatore e spacciatore". Infine, Sabatino Tarquini: "Il proibizionismo sulle sostanze ha sempre perso. Regolamentare significa portare un fenomeno alla luce del sole e controllarlo".

whatsapp-image-2022-07-13-at-20.10.26.jpeg
whatsapp-image-2022-07-13-at-20.10.21.jpeg
whatsapp-image-2022-07-13-at-20.10.24.jpeg
whatsapp-image-2022-07-13-at-20.17.07.jpeg
whatsapp-image-2022-07-13-at-20.10.27.jpeg

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2022


facebook
instagram
twitter
youtube
Come creare un sito web con Flazio