image-558

Contatti

Contatti

Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Donadei

La nostra newsletter

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Codice fiscale: 96099610048

Ricevi i nostri comunicati stampa: clicca qui!

 

Informativa privacy - cookie policy

Blengino al XX Congresso di Radicali Italiani: "Putin come Hitler. Sostegno concreto al popolo ucraino!"

26-02-2022 16:56

Ufficio stampa

Comunicato stampa,

Blengino al XX Congresso di Radicali Italiani: "Putin come Hitler. Sostegno concreto al popolo ucraino!"

Si concluderà domani a Roma il XX Congresso di Radicali Italiani, a cui partecipa anche una delegazione dell’Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Do

Si concluderà domani a Roma il XX Congresso di Radicali Italiani, a cui partecipa anche una delegazione dell’Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Donadei. Centrale la questione Ucraina sulla quale si sono soffermati diversi interventi, tra i quali quello del Sottosegretario al Ministero degli esteri Benedetto Della Vedova.

 

Anche Filippo Blengino, Segretario dell’Associazione, è intervenuto nella mattinata di oggi sulla questione, definendo Putin “un despota al pari di Hitler” e criticando le manifestazioni per la pace che si sono tenute anche a Cuneo in queste ultime ore.

 

“Spesso ci raccontiamo dell’importanza del ricordare la storia per non ricommettere i gravi errori del passato” – ha dichiarato a margine del suo intervento Blengino. “Non possiamo allora dimenticare l’errore che le forze democratiche europee fecero con Hitler nel 1938 con la Convenzione di Monaco, con cui si sacrificarono persone e territori in nome della pace. Il pacifismo è la forma sbagliata per approcciarsi alla questione, a differenza del filone di pensiero della nonviolenza, che considera fondamentale intervenire a tutela dei diritti umani e democratici degli esseri umani. Dal 1999 i Radicali denunciano, in solitaria, la dittatura di Mosca e hanno chiesto a gran voce ai Governi italiani che si sono succeduti di investire in fonti energetiche che non siano prevalenti di un unico Paese. La Russia, con il gas, ha minacciato fin troppo a lungo le democrazie occidentali.

 

Oggi, siamo pronti a pagare qualche conseguenza economica in nome dei diritti umani, del diritto internazionale, della democrazia e della lotta al despota Putin, per il quale Radicali Italiani chiederà l’incriminazione dinnanzi al Tribunale internazionale per crimini di guerra. I pacifisti esistevano con Hitler, esistevano sui Balcani ed esistono oggi. I danni dell’immobilismo da parte degli stati europei saranno gravissimi. Togliamo dunque l’ossigeno a Putin, isoliamolo economicamente, parteggiamo, chiediamo sanzioni nell’ambito Swift, ma non facciamo l’errore, in nome del pacifismo, di porre la potenza nucleare Russia alla pari dell’Ucraina, che sta subendo un violentissimo e inaccettabile attacco militare. Non sacrifichiamo Paesi, non giriamoci dall’altra parte. Libertà per l’Ucraina, democrazia per la Russia!” – ha concluso l’attivista radicale.

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2022


facebook
instagram
twitter
youtube
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder