image-558

Contatti

Contatti

Associazione Radicali Cuneo Gianfranco Donadei

La nostra newsletter

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Codice fiscale: 96099610048

Ricevi i nostri comunicati stampa: clicca qui!

 

Informativa privacy - cookie policy

Dichiarazione di Filippo Blengino e di Emma Bonino

08-09-2020 10:24

Ufficio stampa

Dichiarazione di Filippo Blengino e di Emma Bonino

Ieri sera nuovo sgombero al Movicentro di Cuneo: sono intervenute le forze di polizia e la Croce Rossa Italiana. Intanto Radicali Cuneo affila le armi

Ieri sera nuovo sgombero al Movicentro di Cuneo: sono intervenute le forze di polizia e la Croce Rossa Italiana. Intanto Radicali Cuneo affila le armi nonviolente per il flashmob in programma venerdì 11 alle 18 sotto il Comune di Cuneo, a cui ha aderito anche Cuneo per i Beni Comuni, le Sardine ed altre realtà cittadine.

 

Commenta Filippo Blengino, Segretario di Radicali Cuneo: “Ieri sera nuovo epilogo di una situazione davvero becera. L’ordinanza antibivacco del Sindaco Borgna è una vergogna: non si elimina la povertà nascondendo i poveri. Invitiamo tutta la cittadinanza a scendere al nostro fianco contro colui che abbiamo soprannominato il Sindaco sceriffo. E mentre il PD a Pisa protesta contro un’identica ordinanza firmata dal Sindaco leghista Conti, a Cuneo è assordante il silenzio dei democratici, complici di un’ordinanza da ribrezzo”.

 

Anche Emma Bonino, storica leader radicale, da Roma manda un messaggio contro l’ordinanza di Federico Borgna: "Radicali Cuneo sta sollevando un problema che riguarda molte realtà italiane. Da una parte è evidente a chiunque come nelle città, grandi e piccole, sia in aumento il numero di persone che vivono all'addiaccio, che chiedono l'elemosina e che non hanno un tetto sotto il quale ripararsi. Un problema che si aggraverà ancora con la crisi economica che abbiamo davanti.  È una delle priorità delle amministrazioni individuare soluzioni, insieme ai tanti volontari che operano sui territori, che devono mirare a ridurre il problema, non a nascondere sotto il tappeto la polvere. Scrivere in un’ordinanza comunale che "è vietata la permanenza con giacigli, cartoni, materassi, coperte, sacchi a pelo o simili su suolo pubblico ed aperto al pubblico" come ha fatto il comune di Cuneo non risolve il problema, anzi rischia di aggravarlo ulteriormente" conclude la senatrice.

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2022


facebook
instagram
twitter
youtube
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder